TIMIDEZZA

"Spezziamo una lancia" in favore della tanto discussa e temuta timidezza con l'estratto di un articolo tratto dal libro "Le grandi paure dei piccoli".



Un bambino che appare più tormentato e preoccupato di altri ha poi un vantaggio: è dimostrato che ha anche una maggiore sensibilità nei confronti delle difficoltà e dei problemi del prossimo. Le civiltà orientali tendono ad apprezzare gli aspetti positivi della timidezza: “I timidi non sparlano degli altri e non si vantano, non sono insistenti o esigenti, aggressivi o prepotenti”, scrive l’indiano Swamini Vimalananda nel suo libro “I caratteri dell’uomo”. <<Sono amici leali e affidabili perché l’amicizia per loro è preziosa.  Spesso sono persone profonde e riflessive, discrete e modeste. In genere hanno la capacità di ascoltare e di capire. Quando sono in un gruppo, non tendono a conquistarne il controllo, e per questo sono ottimi compagni di squadra, né vogliono dominare in una conversazione, parlando sempre loro. I timidi hanno molte qualità e ben pochi difetti>>.